GLASSOUND Glass Exhibition in Venice

Écrit par carabelli. Publié dans 01_Events

Questa esposizione rende pubblico un progetto sviluppato in collaborazone tra alcune delle famose imprese di lavorazione del vetro di Venezia e l'Atelier di Decorazione B dell'accademia di belle arti di Venezia. http://www.accademiavenezia.it/eventi/glassound-278.html 

L'esposizione, molto gradevole sia per l'allestimento che per la cortesia degli allievi temporaneamenti presentatori/guardiani delle sale, mostra un lavoro di lunga alena che fa incontrare le competenze professionali consolidate con gli spiriti artistici in formazione.

Queste poche immagini e linee non rendono giustizia dell'importante lavoro svolto ma indicano solamente ciò che pià mi ha colpito durante questa assolutamente inattesa e gradevole esperienza.

 

Trascrivo quanto indicano i pannelli esposti a presentazione delle opere:

 

Prie

Progetto e allestimento realizzati da Atelier Decorazione B. Fanghi di scarti di lavorazione del vetro fusi e lavorati a freddo.

"Prie" nasce dall'idea di utilizzare i residui della lavorazione a freddo in molatura delle opere in vetro prodotte nell'Atelier di Decorazione B e nelle ditte che hanno collaborato a Glassoud. I fanghi estratti dai serbatoi, solitamente smaltiti, sono stati invece rifusi mantenendo la stratificazione successiva delle lavorazioni, soprattutto al fine di rendere evidente la molteplicità dei prodotti lavorati nella loro dimensione cronologica, quasi come una sedimentazione geologica. Il tempo, che in una composizione musicale articola i vari suoni in relazioni ordinate, qui viene percepito fisicamente attraverso i residui di ogni singola lavorazione che divengono complessivamente la nota, il segno grafico di un fraseggio collettivo mostrato attraverso la qualità e quantità di materiale residuale prodotto.

 

 

Lampadario Fluido

Progetto e allestimento realizzati da Atelier Decorazione B in collaborazione con Signoretto Lampadari - 80 elementi in vetro soffiato, realizzati a caldo a mano volante, infilati in un tubo led flessibile di 6 metri.

 "Lampadario Fluido" è una delle opere più significative fra quelle nate durante il workshop "ma a che serve la luce" (2017), che ha costituito una prima collaborazione tra l'atelier di Decorazione e Signoretto Lampadari. Un classico lampadario in vetro di Murano è stato ridisegnato con un'inedita forma lunga e morbida. Degli elementi che lo compongono, alcuni sono ripresi dalla produzione di Signoretto Lampadari, altri sono stati rielaborati e ridisegnati in funzione della composizione. Questi moduli sono stati poi infilati in un elemento illuminante morbido che, oltre ad illuminarli dall'interno, ne conferisce la fluidità e la possibilità di modificarne il disegno.

B(L)OOM

Progetto e allestimento realizzati da Atelier Decorazione B in collaborazione con Signoretto Lampadari.

Lampadario di produzione Signoretto Lampadari; sistema di cavi e morsetti con strutture di sostegno dedicate in legno e acciaio.

"B(L)OOM" è una installazione che destruttura un lampadario in stile "Rezzonico" della ditta Signoretto, isolandone i vari moduli nella loro disposizione compositiva. Il risultato è un assemblaggio frammentato che, offrendo una prospettiva diversa del lampadario, è in grado di esaltarne sia i singoli elementi che la complessa struttura. Vengono così valorizzate ed evidenziate la raffinatezza artigianale e i particolari della lavorazione di ogni dettaglio, sia estetico che strutturale.

 

 

Hugo Pratt ... Corto Maltese

Écrit par carabelli. Publié dans 01_Events

 

At the Confluences Museum, there is an interesting exhibition about the Italian artist Hugo Pratt and his most famous personage: Corto Maltese. Corto appeared the first time in 1967 to become the protagonist of the stories three years later. Corto is sailor of the “recent/ancient” time, slightly melancholic, embedded in deep ethical issues.

B/W adventures come out with some magnificent watercolors where Hugo Pratt shows his quality as painter and narrator.

The exhibition shows also some elements coming from the places where Corto acted and a semi-interactive representation of the world of his adventures.

Hugo Pratt – Lines d’horizons, up to Mach, 24 2019http://www.expositionpratt.fr/ 

 

L’esposizione Lignes d’horizons al museo des Confluences a Lione (sino al 24 marzo 2019) rende omaggio alla figura complessa di Hugo Pratt (Ugo Prat all’anagrafe) - sito dell'esposizione: http://www.expositionpratt.fr/ .

Artista poliedrico divenuto famoso grazie all’invenzione di Corto Maltese, avventuroso personaggio premoderno, grande viaggiatore leggermente malinconico.

L’esposizione molto ampia coniuga le avventure disegnate con elementi della cultura materiale dei luoghi lontani ove Corto si rende,. presentati anche in una accattivante rappresentazione semi-interattiva del mondo. Estremamente valide la lunga video-biografia dell’artista e la ricca bibliografia. 

 

 

 

 

 

L'étude d'impact, une démarche de valorisation patrimoniale

Écrit par carabelli. Publié dans 01_Events

Séminaire

L'étude d'impact, une démarche de valorisation patrimoniale

le 10 novembre 2017

médiathèque de l'architecture et du patrimoine
Charenton-le-Pont

 

ICOMOS France et la section française de l’UICN vous convient au séminaire L’étude d’impact, une démarche de valorisation patrimoniale, qui se tiendra le 10 novembre 2017.
Cette journée visera à clarifier les trois points-clés de l’élaboration d’une étude d’impact patrimonial : la conception du projet, l’argumentaire et l’instruction. 
Pour cela, une série de témoignages seront présentés, impliquant divers acteurs et regards sur la question, et un texte de méthode émanera de cette journée d’étude participative. 
Professionnels et étudiants du patrimoine sont invités à prendre part à cet évènement et se familiariser avec cet outil d’avenir encore méconnu.

 

http://france.icomos.org/fr_FR/S-impliquer/Rendez-vous-et-actualites/Actualites/INSCRIPTIONS-seminaire-L-etude-d-impact-une-demarche-de-valorisation-patrimoniale 

La geografia serve a fare la guerra? Expo a Treviso (It)

Écrit par carabelli. Publié dans 01_Events

 

Esposizione alla Fondazione Benetton, Treviso

http://www.fbsr.it/beni-culturali/progetti-e-ricerche/la-geografia-serve-la-guerra/

Fondazione Benetton Studi Richerche

Via Cornarotta 7-9 - 31100 Treviso

Tel +39.0422.5121 - Mail Cette adresse e-mail est protégée contre les robots spammeurs. Vous devez activer le JavaScript pour la visualiser. - www.fbrs.it

 

 

La geografia serve a fare la guerra? Catalogo

Écrit par carabelli. Publié dans 01_Events

 

La geografia serve a fare la guerra?

Riflessioni intorno a una mostra

Massimo Rossi
Fondazione Benetton Studi Ricerche-Antiga Edizioni
Treviso 2016, 151 pagine, 35 illustrazioni a colori
prezzo di copertina 25 euro, ISBN 978-88-99657-53-6

La monografia riprende e approfondisce i temi affrontati nell’omonima esposizione organizzata da Fondazione Benetton Studi Ricerche con l’allestimento di Fabrica, Treviso, spazi Bomben, 6 novembre 2016-19 febbraio 2017

Présentation du livre sur le patrimoine portugais au Maroc - El Jadida

Publié dans 01_Events

L’association la Cité Portugaise et Casamémoire organisent le vendredi 15 juin à 18h une rencontre avec Romeo Carabelli auteur de l’ouvrage « L’héritage portugais au Maroc : un patrimoine d’actualité ». 354 ans de présence portugaise en Afrique du Nord, 3 siècles et demi d’histoire, deux formes d’occupations marquées tout d’abord par une volonté d’instaurer un protectorat africain et après par le retranchement autour de la dernière enclave « imprenable » : Mazagão, aujourd’hui appelée El Jadida. Ce guide du patrimoine bâti par les Portugais en Afrique du Nord aborde une composante méconnue de l’histoire : l’héritage matériel bâti par la couronne portugaise entre 1415, prise de Ceuta, et 1769, départ de Mazagão (actuelle El Jadida).

CON IL GRUPPO 63

Publié dans 01_Events

La Fondazione Marconi (http://www.fondazionemarconi.org/ - via Tadino 15, 20124 Milano) presenta, con l’intento di celebrare la costituzione del movimento a distanza 50 anni dalla sua nascita, nella sua sede cittadina la mostra curata da Achille Bonito Oliva, CON IL GRUPPO 63. Artisti a Milano, città-simbolo della neoavanguardia artistica - letteraria più creativa dell'Italia del “miracolo economico”.